Il podcast di Marketing Legale, con Paola Parigi

podcast-marketing-legale-paola-parigi





Scarica e ascolta le puntate del podcast dedicato agli strumenti di marketing e alla comunicazione per lo studio legale e l’avvocato.


Le reazioni più comuni e le strategie vincenti per la comunicazione degli avvocati durante l'emergenza pandemia da Coronavirus e alcuni consigli utili per la corretta comunicazione ai clienti.
Scarica il file MP3

Ascolta qui

 

La prima puntata di questo podcast dedicato al marketing e alla comunicazione degli studi legali è centrata sulle principali reazioni dei professionisti all'emergenza e alle politiche restrittive dovute alla pandemia da Corona virus.
Ho osservato tre tipi di reazione nei miei clienti:
1) la paralisi - Alcuni studi hanno chiuso le porte e attendono che l'emergenza passi, rimandando ogni progetto al "dopo";
2) le crocerossine - Soprattutto le donne soffrono di una crisi da sovraffaticamento per avere la sensazione di aver perso il controllo e non possono contare sui normali aiuti;
3) i resilienti - a causa della pressione delle richieste dei clienti lavorano più di prima, si sono convertiti alla modalità "smart" e rispondono con prontezza studiando la situazione.

Abbattersi, essere pessimisti, trascurare il lavoro o cedere all'inazione sono errori fatali.
Combattere ed elaborare soluzioni e reazioni creative ai problemi del tutto nuovi che i clienti e noi stessi stiamo affrontando è una risposta più efficace e vincente.

I clienti hanno bisogno di risposte sull'applicazione delle normative di emergenza e sugli impatti di questa pandemia sul loro lavoro e sulla loro vita, è un compito degli avvocati quello di approfondire e anticipare le loro domande per fornire indicazioni utili e consigli a famiglie, imprese e privati.

Dalla comunicazione istituzionale, all'invio di newsletter mirate, alla comunicazione sul sito e sui social network, occorre occuparsi di come i clienti e i potenziali clienti cercano le risposte alle proprie domande, per farsi trovare preparati e utili.

Alcune utili indicazioni per la creazione di contenuti di valore per l'avvocato e lo studio legale.

Scarica il file in formato mp3 oppure ascolta online qui:

  • Perché lo studio legale deve comunicare?
  • A chi lo studio legale deve indirizzare i propri messaggi?
  • Come deve farlo?
  • Che cosa deve dire?

Il marketing dello studio legale è reputazionale, ruota cioè, quasi esclusivamente sull'opinione che gli altri si fanno dei professionisti, della qualità del loro servizio, in buona sostanza, della loro soddisfazione.

La qualità della reputazione può essere vissuta passivamente o può essere stimolata da azioni positive, utilizzando le diverse leve di marketing.

La più importante è certamente migliorare il più possibile la qualità del lavoro, così da ottenere un numero sempre maggiore di clienti soddisfatti.

La comunicazione risponde anche a questo imperativo. Il cliente non deve essere lasciato a sé stesso, prima o dopo che ha frequentato lo studio, deve essere il destinatario di una comunicazione responsabile, utile per lui e corretta dal punto di vista della sua efficacia.

La creazione e propagazione di contenuti di valore può migliorare la reputazione dello studio legale.

Oggi la maggior parte della comunicazione avviene su internet, anche quella che utilizza i canali tradizionali ha senso se viene condivisa su internet.

Per comunicare bene su internet occorre padroneggiare alcuni aspetti tecnici, ma soprattutto bisogna generare contenuti di valore, che siano anche linguisticamente chiari, diretti, comprensibili e persino belli da vedere.

Dalla prossima puntata descriveremo gli strumenti necessari.

Il sito dello studio legale

Alcune utili indicazioni per la creazione di un sito efficace e piacevole da vedere  per l'avvocato e lo studio legale

Clicca qui per scaricare il file in formato mp3 oppure ascolta online.

 

In questa terza puntata affrontiamo il primo medium utile per la comunicazione dello studio legale, quello più istituzionale: il sito.

Le caratteristiche principali del sito sono:

  • cura professionale, sia sotto l'aspetto grafico che tecnico e contenutistico;
  • costante aggiornamento, per il quale deve essere prevista una struttura "blog";
  • Responsivity, ovvero capacità di adattamento automatico alla consultazione su supporti mobili come gli smartphone e i tablet.

Prima di approcciare la realizzazione del sito occorre avere ben chiare quali sono le caratteristiche funzionali e grafiche che piacciono.

Un professionista aiuta a comprendere se le scelte fatte siano valide dal punto di vista funzionale e della SEO (Search engine optimization o l'ottimizzazione per i motori di ricerca).

Aggiornare il sito è una attività impegnativa, che dovrà coinvolgere tutto lo studio sin dalla fase di progettazione del piano editoriale.

I contenuti di valore generati per il sito dovranno essere coerenti con l'attività dello studio, redatti con cura e professionalità e tener conto degli aspetti tecnici di leggibilità e fruizione su internet.

L'attività editoriale non è secondaria né banale, ma richiede costanza e attenzione. Oggi gli strumenti sono molto semplici e alla portata di tutti, facili da utilizzare e consentono a chiunque di comunicare con efficacia.

Tutte le opzioni vanno misurate e confrontate con gli aspetti tecnici più rilevanti:

  • il nome a dominio;
  • il CMS utilizzato;
  • logo e immagine;
  • look and feel;
  • qualità dei contenuti.

Queste scelte condizioneranno la velocità di caricamento, l'efficacia della navigazione, la leggibilità e la necessaria ridondanza dei contenuti che, diversamente dalla carta, è una qualità dei siti e non un difetto.

Continueremo a parlare del sito dello studio legale e in particolare di alcuni elementi rilevanti dal punto di vista deontologico per l'avvocato.

Iscriviti alla Newsletter di Paris&Bold per restare aggiornato sulla pubblicazione di nuovi contenuti.

Contatta Paola Parigi per informazioni.