strategia dopo corona virus studi legali
Blog, Marketing legale, Strategia, Web

La strategia di marketing degli studi legali nell’anno del post-covid

Come cambiano la pianificazione e le strategie di marketing degli studi legali nell’anno del post-covid

La nuova normalità dello studio legale

La pandemia ha avuto un impatto su numerosi aspetti della vita dello studio legale e sulle esigenze del suo mercato di riferimento.

I cambiamenti si riflettono direttamente sulla pianificazione di marketing per il 2022 ed è facile prevedere che condizioneranno anche gli anni a venire.

In particolare gli studi legali stanno sperimentando una nuova normalità nella quale:

  • gli avvocati lavorano spesso anche da remoto;
  • gli incontri tra avvocati e con i clienti sono sempre più virtuali.

Anche i convegni, le conferenze, workshop e in genere gli eventi di approfondimento e divulgazione giuridica sono stati rimpiazzati da webinar e trasmissioni in streaming.

La newsletter e il broadcasting di contenuti sulle chat oramai sono le formule preferite per gli aggiornamenti.

Sono nuove modalità diventate già quasi delle prassi, che richiedono una diversa organizzazione del lavoro, alterano alcune abitudini e soprattutto incidono sulla qualità della relazione con i clienti attuali e potenziali.

Il cliente esprime oggi una inedita aspettativa di immaterialità della prestazione e della comunicazione che condiziona moltissimo il rapporto con l’avvocato. La strategia di marketing non può non tenerne conto.

Oltre che richiedere prestazioni veloci, risposte immediate e delivery immateriale attraverso canali di comunicazione sempre più rapidi e diretti, il cliente si affida quasi totalmente a Internet per trovare informazioni che riguardano lo studio.

È in rete che il potenziale cliente si costruisce un’opinione su un avvocato e sullo studio prima di decidere di contattarlo o cerca conferme sulla reputazione dei professionisti -che possono risultare decisive- per orientare la propria scelta.

La strategia di marketing per gli studi legali è -e sarà- sempre più digitale

Il percorso di scelta (funnel), dei servizi legali si è già da tempo spostato sui motori di ricerca, così come la selezione delle informazioni sui professionisti è affidata ai loro siti istituzionali e ai social network.

Si calcola che il 72% delle persone che si impegna a cercare un professionista per risolvere un problema personale o di business si affidi alla rete per trovare quello giusto.

Le aziende hanno processi più istituzionalizzati e strutturati.

L’avvicendarsi di nuovi dirigenti è una scelta normale per l’azienda, ma rappresenta un rischio di perdita del cliente per lo studio legale. Ricostruire da zero la fiducia nel rapporto con un nuovo referente richiede abilitò, fortuna e sforzi dedicati.

Nelle grandi società la selezione di nuovi studi da inserire nell’albo fornitori è accompagnata da una analisi web e ogni candidatura viene vagliata sulla base di informazioni reputazionali e di visibilità, reperibili su internet.

Gli studi più attenti presidiano la loro web reputation da tempo da anni, ma ora più che mai è importante dedicare risorse e attenzione a tutto quanto migliori la presenza su internet degli avvocati o degli studi legali.

Il piano di marketing strategico del 2022 deve prevedere opportuni investimenti per la digitalizzazione delle attività di pubbliche relazioni e marketing, in aggiunta o in sostituzione di quelle da consumarsi in presenza.

Ce ne siamo già occupati ma è importante ricordarlo: il sito ricopre in questa strategia un ruolo centrale

Oltre a rappresentare la vetrina e la presentazione virtuale dello studio, ad arricchire di contenuti coerenti le attività che ogni avvocato svolge, il sito può diventare l’hub delle attività digitali dello studi, il centro di smistamento delle informazioni che lo riguardano, ma anche di quelle che dallo studio promanano e che allo studio devono arrivare.

Questo sito è a impatto zero!

Siamo particolarmente sensibili ai temi ambientali, come persone e come professionisti. Realizziamo siti internet, newsletter e app per i nostri clienti e svolgiamo una larga parte della nostra attività su internet,  per questo desideriamo essere attente e consapevoli dell'impatto che l'utilizzo del web ha sulla natura.